Az. Agricola Fonte Calamaro
Acquaviva di Nerola, Loc. Fonte Calamaro 00017 - Nerola (Rm)

Homepage



Il prodotto

La storia

La lavorazione

In Cucina

Contatti



La Lavorazione

Terreni
l’olivo cresce bene su terreni di media collina, da 200 a 600 metri sul livello del mare, in terreni calcarei con fondo breccioso od anche in terreni tufacei e vulcanici.


Conservazione
Nell’antichità l’olio si conservava in otri di terracotta, successivamente verniciati all’interno; ai giorni nostri vengono utilizzati esclusivamente recipienti di acciaio inox, evitando l’esposizione alla luce e con temperatura dell’ambiente che può variare da 11 a 17 gradi.


Cultivar
L’olio dell’azienda agricola “Fonte Calamaro” si ottiene dalle seguenti varietà: carboncella, leccino, pendolino, fecciara, frantoio.


Raccolta
Viene effettuata nel periodo dell’invaiatura, quando la bacca da verde comincia a diventare nera, periodo che va dalla prima decade di novembre fino alla metà di dicembre.
Per la raccolta si utilizzano scale, teli e agevolatori-scuotitori portati a mano dagli operatori.


Lavorazione
Le olive devono essere sottoposte a lavorazione entro due giorni dalla raccolta.
I frantoi moderni utilizzano gramole, centrifughe e separatori che lavorano a ciclo continuo, con procedimento di estrazione a freddo (temperatura dell’acqua massimo 27 gradi), proteggendo il prodotto dal pericolo di ossidazione e salvaguardando il nomero dei prossidi e la quantità dei polifenoli.


Vendita
Le norme legislative attualmente in vigore impongono al produttore, per la vendita diretta, l’obbligo del confezionamento dell’olio in lattine (max 5 litri) oppure in bottiglie. E’ raccomandato l’uso di bottiglie di vetro scuro per proteggere il contenuto dalla luce.
E’ obbligatorio apporre l’etichetta che deve riportare: nome del produttore, tipo di olio, luogo di produzione, scadenza del prodotto e quantità.